Ropaloceri e Zigene

Dai colori attraenti e relativamente facili da studiare, le farfalle diurne o ropaloceri (Lepidoptera, Papilionoidea) e le zigene (Lepidoptera, Zygaenidae) sono probabilmente il gruppo di insetti più popolare e meglio studiato. Il livello di conoscenza di questo gruppo è molto buono, anche se alcuni problemi tassonomici sussistono. Secondo Wiemers et al. (2018), in Europa esistono 496 specie di farfalle diurne, di cui 212 conosciute in Svizzera. Allo stesso modo, 27 delle 63 zigene d’Europa sono segnalate in Svizzera. Il nostro paese ospita quindi oltre il 40% della fauna europea che, data la sua piccola superficie, rappresenta una diversità particolarmente elevata!

Polyommatus daphnisLa Dafne azzurra (Polyommatus daphnis) è considerata vulnerabile ed è una delle specie caratteristiche delle aree aperte xerotermofile con vegetazione corta

Le esigenze ecologiche di molte farfalle diurne e zigene sono molto elevate. Dipendono così da ambienti con condizioni biotiche e abiotiche precise. Se la loro presenza in un habitat è determinata principalmente da quella di piante alimentari di adulti e bruchi, anche il tipo di suolo, la topografia, il clima, le condizioni di sole e i livelli di umidità giocano un ruolo importante. La maggior parte delle specie dipende inoltre da una particolare struttura della vegetazione che varia a seconda del loro stadio di sviluppo (uovo, bruco, crisalide, imago). Spesso è necessario un mosaico di habitat (o microhabitat) per completare il loro intero ciclo di sviluppo. Le farfalle diurne e zigene sono quindi particolarmente sensibili a qualsiasi cambiamento nella qualità del loro ambiente. Generalmente facilmente individuabili e presentando un numero relativamente ridotto di specie, sono ottimi bioindicatori della qualità degli ambienti naturali aperti (prati e pascoli, paludi basse e alte) o semiaperti (margini, garidi, boschi aperti).

habitat papillon
 

La metà delle specie svizzere di farfalle diurne e zigene valutate nella Lista rossa del 2014 (Wermeille et al. 2014) è considerata minacciata (35%) o potenzialmente minacciata (20%) d’estinzione. Le specie interessate si trovano principalmente in prati e pascoli magri di bassa e media altitudine. Sono anche a rischio una grande proporzione di quelle esclusivamente o preferenzialmente legate alle zone umide, spesso molto specializzate e poco mobili. Le zone cespugliose e forestali ospitano un numero minore di specie generalmente meno minacciate.

Le comunità di farfalle nei prati e nei pascoli magri, secchi o umidi, e quelle delle paludi alte e basse hanno infatti subito una forte riduzione della superficie dei loro habitat negli ultimi decenni, in particolare in relazione all’intensificazione delle pratiche agricole. Questa diminuzione ha dapprima colpito le zone di pianura ma ora si sta diffondendo nelle regioni di montagna. Mentre le aree più produttive sono sovrasfruttate, le aree marginali di difficile accesso (in particolare su un pendio ripido) sono, al contrario, abbandonate e si evolvono in ambienti meno favorevoli alle farfalle. Allo stesso tempo, l’espansione delle aree edificate e industriali e lo sviluppo delle attività turistiche stanno portando alla distruzione totale di molti habitat favorevoli. Infine, l’aumento e la densificazione dell’ambiente costruito accentuano fortemente la frammentazione e l’isolamento degli habitat, aumentando la vulnerabilità delle popolazioni alle fluttuazioni naturali del loro numero e ai disastri naturali (inondazioni, siccità, incendi, …).

Schede di protezione delle specie

Scoprite gli habitat, le minacce e le misure di conservazione delle specie minacciate!

1a-d Melitaea britomartis.jpg

1 argyrognomon.jpg

1 briseis.jpg

>> Ritratti delle specie <<

Contatto al CSCF

Yannick Chittaro
info fauna - Centre Suisse de Cartographie de la Faune
Tél: +41 (0)32 718 36 07
Email

Bibliografia consigliata

  • LSPN, 1987. Les papillons de jour et leurs biotopes : espèces, dangers qui les menacent, protection. Volume 1. Ligue Suisse pour la Protection de la Nature, Bâle : 512 pp.
  • LSPN 1999. Les papillons et leurs biotopes : espèces, dangers qui les menacent, protection. Volume 2. Pro Natura, Bâle : 667 pp. LSPN 1997. 
  • Lafranchis Tristan, 2007. Papillons d’Europe. Diatheo, Paris :370 pp.
  • Baudraz Vincent, Baudraz Michel. 2016. Guide d'identification des papillons de jour de Suisse. SVSN

Links

Consultare le osservazioni

Serveur cartographique info fauna - CSCF&karch
 

Serveur tabulaire info fauna - CSCF&karch